Illusioni della democrazia in regime capitalistico

ragione-sociale-capitalismoQuando i nostri governanti si riempiono la bocca di parole come “democrazia” e “libertà”, intendono principalmente tre cose: il suffragio universale, il pluralismo e la libertà d’espressione. Se consideriamo da vicino queste tre “comandamenti”, è facile misurare la distanza tra l’ideologia e la realtà. La frattura epocale tra le promesse espresse da questi tre grandi principi, e la quotidiana sofferenza sociale sperimentata dalla stragrande maggioranza della popolazione, spiega in gran parte il malcontento, la disillusione e la rabbia che circolano nella società.

Il suffragio universale, pilastro della democrazia moderna, è l’esempio più lampante dello scollamento tra esercizio della libertà e il suo carattere controllato: che cosa in realtà abbiamo raggiunto con esso? Quello che era in principio un privilegio censitario, un meccanismo tramite il quale i ricchi eleggevano i propri rappresentanti nelle assemble di governo, è stato esteso all’insieme della popolazione, ha smesso di essere un privilegio per pochi per diventare un diritto di tutti: il diritto di voto.

Con ciò non è cambiata la natura del potere, che è rimasto in mano alla stessa classe capitalista: il suffragio ha “solamente” esteso alle classi inferiori lo strumento del voto, facendo evolvere così la forma del dominio borghese. Le classi subalterne hanno avuto accesso al privilegio di votare uno dei rappresentanti dei capitalisti alla guida del Governo, ogni 4/5 anni. Il suffragio universale fu la risposta, compatibile col Sistema, alle spinte emancipatrici delle masse in lotta. Invece di cambiare il potere, si permise l’accesso a tutti a un’attività riservata precedentemente a pochi, e illudendo in tal modo le masse di poter partecipare alla direzione dello Stato, si chiuse ogni orizzonte a ulteriori rivendicazioni politiche.

Certo, i ceti possidenti hanno dovuto elaborare altri filtri al fine di depotenziare, manipolare e canalizzare il voto popolare, usando in definitiva il suffragio per rafforzare la propria dominazione, al fine di consolidare un sistema il quale – se avesse continuato a escludere la maggioranza della popolazione dalla vita politica in un momento in cui l’emancipazione del lavoro faceva entrare le masse nella vita sociale in maniera organizzata – non sarebbe stato più gestibile, dunque non avrebbe permesso di continuare a fare affari.

Meccanismi di esclusione

E qui veniamo all’incompletezza e al formalismo che caratterizzano la nostra democrazia, aspetti che costituiscono la garanzie di dominazione per le classi capitalistiche. Già Lenin faceva notare come “parlare di democrazia pura, di democrazia in generale, di uguaglianza, libertà, universalità, mentre gli operai e tutti i lavoratori vengono affamati, spogliati, condotti alla rovina e all’esaurimento, mentre i capitalisti e gli speculatori continuano a detenere la “proprietà” estorta e l’apparato “già pronto” del potere statale, significa prendersi gioco dei lavoratori e degli sfruttati”. (“Democrazia” e Dittatura di Vladimir Lenin, 1918)

Inoltre questa democrazia, confinata nel quadro dello sfruttamento capitalista, è e resta sempre una democrazia per i signori, per una minoranza, per i ricchi, che nei suoi meccanismi attuativi trova il modo di garantire il domininio assoluto delle classi superiori e del loro personale politico sulla società. Questo tramite i dettagli delle riforme elettorali e dei tecnicismi costituzionali; le regole stesse di funzionamento delle istituzioni; la separazione di classe che permette l’accesso alle alte funzioni pubbliche e private esclusivamente agli individui provenienti delle classi agiate; la dipendenza oggettiva da vincoli esterni insormontabili – come le regole di bilancio UE e le clausole di adesione alla NATO in Europa.

A ciò si aggiunge l’organizzazione dei media di massa, in mano ai monopoli capitalistici, autentiche colonne portanti del potere borghese. La pervasività della propaganda è così raffinata e di alta qualità, da convincerci che la nostra libertà e sicurezza equivalga alla sottomissione degli altri, “le guerre umanitarie” ad esempio. Essi sono in grado di persuaderci che la ciarla liberale, che si manifesta in esponenti delle classi superiori facenti sfoggio dei loro punti di vista, dei loro disaccordi più o meno fasulli, dei loro valori classisti spacciati per valori universali, sia approfondimento culturale e libera espressione di parola e pensiero. La stessa parola “democrazia”, nel senso comune è stata stravolta fino a esprimere l’idea di un regime politico liberale borghese fondato sul pluripartitismo parlamentare.

Ma il semplice fatto che solo i ricchi siano in grado di creare le proprie organizzazioni e offrirle come scelta alle masse al mercato delle elezioni, e i proletari impossibilitati materialmente a organizzare la propria stampa e i propri media, le proprie organizzazioni, non avendo a disposizione luoghi per esercitare, né il denaro da spendere se non per la propria sopravvivenza, né i contatti e le relazioni necessarie per pubblicizzare e far conoscere le proprie attività, sembra non porre problema.

Al contrario, il problema sorgerebbe se i proletari fossero in grado di organizzarsi autonomamente, facendosi sentire seriamente e in maniera continuativa e incisiva, invece di affidarsi paternalisticamente alle istituzioni e partiti forgiati dalle classi borghesi. Ma non c’è pericolo, la struttura economica della società impedisce o perlomeno rende difficilissima la costituzione e la sopravvivenza in ambiente ostile di autentici partiti operai, fatti dai lavoratori per i lavoratori.

E questo senza nemmeno aver bisogno di censura legale-formale, almeno nella Repubblica democratica: la censura opera a monte, ed è di ordine economico, nell’esprorio materiale dei mezzi e delle risorse dalle mani dei lavoratori, i quali dipendono per il salario dal benvolere del padrone. In un mondo in cui il denaro regna, chi non ha soldi è ininfluente e innocuo. E quando tali partiti per precise ragioni storiche sono “riusciti a esistere”, gli è stato semplicemente vietato di prendere il potere, era l’unica condizione per poter partecipare al gioco delle elezioni.

Democrazia socialista 

Ai comunisti è caro invece il significato originale della parola “democrazia” come potere del popolo, esercitato dal popolo. Essi inoltre vedono nel popolo non un’astrazione generica in cui tutto e tutti sono confusi, ma la stragrande maggioranza dei cittadini lavoratori contro una minoranza di sfruttatori. La dittatura del proletariato esprime questa volontà di garantire una reale democrazia, fondata sulla partecipazione popolare e sul primato dei diritti sociali rispetto a quelli politico-civili, condizione essenziale per poter estendere la democrazia a livelli più elevati, e anche per rendere le libertà civili borghesi realmente effettive.

In effetti, anche questa povera democrazia di carta che la Repubblica democratica gentilmente ci offre, è fatta per restare al di fuori dei luoghi del lavoro, dove vige e regna l’arbitrio e la legge padronale: nelle fabbriche, nella grande distribuzione, nella logistica, nei servizi e commerci, ovunque esista il lavoro manuale in particolare.

Il posto in cui gli uomini passano la maggior parte della propria esistenza è retto di fatto da rapporti che di democratico non hanno nulla, a cui la democrazia è esteriore. Non solo le organizzazioni sindacali sono spesso deboli, a volte collaborazioniste e persino reazionarie, ma soprattutto sotto perenne attacco e controllo, e i lavoratori che osano sindacarsi sono vittime di discriminazioni e licenziamenti. Non solo i consigli di fabbrica e i rappresentanti dei lavoratori non hanno la mano sulle decisioni relative alla produzione; non solo è esplicitamente vietato di esprimersi sui rapporti di proprietà, considerati sacrosanti e intoccabili.

Questa democrazia di fabbrica – presente per di più solo nei grandi complessi produttivi e sconosciuta ai milioni di lavoratori sfruttati dei piccolo commerci, la ristorazione, i piccolo-medi impianti produttivi – è oltretutto completamente e volutamente scollegata dal Parlamento, dalle Assemblee regionali, cittadine, provinciali, dal Governo del Paese insomma. Mentre invece questo collegamento esiste, è solido e oliato tra gli uffici del padronato e le istituzioni: le loro istituzioni rappresentative.

Altrimenti detto, il perimetro della democrazia in regime capitalistico esclude e non prevede di farsi lambire neanche dal simulacro della democrazia operaia, di quell’abbozzo di democrazia operaia strappata con le unghie e coi denti, per non grandi risultati, dalle lotte dei lavoratori nelle società capitalistiche. E qui siamo di fronte alla falla più grande della democrazia borghese, quell’aspetto negativo delle “tradizionali” organizzazioni democratiche “che consiste nella separazione tra il mondo della produzione e quello della politica e quindi nel carattere esteriore, formale, della libertà.” (Palmiro Togliatti, da “Intervista a Nuovi argomenti”, 1956).

Nel sistema socialista realizzato, i consigli dei lavoratori prendono vita democratica dalle unità lavorative di base per risalire e allargarsi dalla semplice unità produttiva alle assemble cittadine, regionali, nazionali: è democrazia diffusa, strettamente collegata al mondo produttivo. Il collegamento tra la democrazia di fabbrica e le istituzioni nazionali, inesistente nel capitalismo, avvicina le cellule della vita democratica lavorativa a quelle della vita democratica politica, fino a fonderle. Nei soviet ad esempio, organo legislativo e di governo dell’URSS, i delegati delle unioni sindacali, i rappresentanti delle associazioni operaie, i rappresentanti delle cooperative agricole, erano votati, eletti nei consigli a tutti i livelli di grado in grado fino al soviet supremo, permettendo così ai lavoratori di tutti i settori di accedere ai ministeri, all’attuazione delle politiche governative, al controllo popolare.

Democratismo ed elettoralismo

Il presupposti mancano dunque perché la democrazia in regime capitalista possa garantire al suffragio universale un valore autenticamente democratico propugnato dai comunisti. Come tutte le forme di partecipazione e libertà, il voto ha bisogno di una serie di requisiti per essere esercitato compiutamente: capacità, risorse, mezzi, luoghi, tempi, preparazione, istruzione.

In un contesto come la società capitalistica, i risultati elettorali (o referendari) sono il frutto di questi presupposti? O piuttosto della manipolazione, della superficialità, dell’influenza del denaro e della corruzione, di chi vota basandosi su informazioni approssimative, false, tendenziose, o nascoste, motivate da interessi di una parte sola? Gli inghippi della nuova legge elettorale italiana ad esempio, sono incomprensibili a tutti, tranne a un pugno di addetti che vi lavorano per garantire un dominio incontrastato dei soliti noti. Le riforme costituzionali sono questioni di lana caprina, eppure servono a mettere ostacoli o indirizzare consensi e rappresentazione parlamentare e istituzionale dei consensi.

Quando le masse sono chiamate a pronunciarsi su tali questioni, su che cosa si basano? E quando si pronunciano sul Governo del Paese, su cosa si pronunciano se non sulla capacità di persuasione di chi detiene le risorse economiche per strutturare il consenso nell’interesse di una clientela politica? Esse dicono: “Sì, ci avete convinto, ci avete illuso bene, quindi vi votiamo, anche se sappiamo che poi voi una volta in Parlamento e al Governo farete l’esatto contrario di quello che avete promesso, e non potremo dirvi nulla perché il mandato è irrevocabile. Potrete cambiare casacca, idee, campo politico, tutto. Ma non possiamo farci niente, il Sistema va così, possiamo solo stare a guardare”.

Tra trasformismo, corruzione, nella scelta preconfezionata di contenitori politici fabbricati da altri, tra leggi elettorali astruse e astensionismo di massa, arretratezza indotta da un’istruzione di basso livello, tra brogli, compravendite di voti e vuoti culturali, si esaurisce l’ambito della democrazia borghese per i lavoratori. L’unica vera libertà è quella degli affari, delle imprese e dell’industria sotto la quale si va in guerra permanente, e dove si può dire ciò che si vuole, finché non si disturba seriamente il manovratore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...