La strategia della tensione in Turchia

l43-erdogan-merkel-151114201958_mediumDifficile dire chi metta le bombe oggi in Turchia, ma è facile vedere come questa incertezza rafforzi il regime fascista di Erdogan e della sua cricca dell’AKP. I precedenti attentati furono attribuiti all’ISIS, come la strage di Suruc o quella alla marcia per la pace di Ankara promossa dalle sinistre; l’attentato contro i militari ad Ankara del mese scorso al TAK – una frangia distaccatasi dal PKK perché ritenuto troppo moderato; oggi pare che si vada al sodo, e la responsabilità sia stata addossata direttamente al PKK.

Già associare il Partito dei lavoratori curdi a questo tipo di azioni, senza prove e sulla base di dichiarazioni delle forze di polizia, è un’operazione più che riuscita di criminalizzazione di un’organizzazione per altro attivamente impegnata nella lotta contro lo Stato islamico e le forze reazionarie in Medio Oriente; quindi oggettivamente ostacolo al lavoro di appoggio fornito dalla Turchia agli islamisti ribelli in Siria.

Da una parte, non sarebbe chiaro perché l’ISIS abbia interesse a colpire ripetutamente la Turchia; forse qualcosa nei rifornimenti turchi verso le zone contrallate dai ribelli islamisti non va come da accordi? E ora che i terroristi sono in difficoltà in Siria, ricatterrebbero l’alleato riluttante? Comunque, sembrano troppi 4 attentati in pochi mesi.

Dall’altra, il PKK non ha nessun interesse a sviluppare una strategia di attentati di tal genere, nonostante la pesante repressione militare del sud-est. Ciò di cui è in cerca il PKK è legittimità pubblica e internazionale: che senso avrebbe commettere attentati contro i civili, a parte votarsi al suicidio dando pretesto al regime per ulteriori massacri nelle regioni curde, peraltro in corso da mesi nel silenzio tranquillo dell’Europa patria dei “diritti dell’uomo”?

Inoltre, in Turchia come altrove non si può escludere l’uso di gruppi che fungano da cosiddetti false-flags, ovvero gruppuscoli a cui si può attribuire tutto e da utilizzare quando c’è bisogno di creare il caos. Insomma, a noi pare la classica strategia della tensione. Creare il caos per rivendicare misure d’emergenza, sopprimere la stampa, zittire gli intellettuali, creare una massa di individui traumatizzati e ingannati pronti a sostenere qualsiasi decisione, fosse anche la guerra contro la Russia.

In questo senso, l’avvicinamento tra l’Ucraina e la Turchia in funziona anti-russa, con la promessa di Erdogan di aiutare l’Ucraina a riprendersi la Crimea, è indicativo delle intenzioni a lungo termine della Turchia, che, ricordiamo, è un pilastro della NATO, e  agisce all’interno della NATO, sotto la supervisione dell’imperialismo egemone statunitense.

Il tutto col beneplacito dell’Europa fascista che eleva la Turchia al rango di cane da guardia da giardino, di fatto includendola nel trattato di Dublino sui migranti, finanziandola con miliardi di dollari,  aumentandone il sentimento di impunità, anche e soprattutto quando non rispetta le convenzioni di Ginevra e mette a ferro e fuoco la regione a causa delle mire egemoniche di Erdogan, il nostro uomo in Medio Oriente.

Poche sono le certezze in questo momento sulla situazione turca, anche perché sistematicamente dopo ogni attentato il governo ha posto il divieto di reporting giornalistico, di condivisione social di notizie relative agli eventi, ha operato arresti di massa di giornalisti, accademici e voci critiche. In conseguenza le “notizie” sono fornite unicamente dalle veline della polizia e dei servizi turchi: il che già di per sé è sinonimo di depistaggio, funzionale alla propaganda borghese reazionaria e guerrafondaia.

Se è impossibile per questo ricostruire i fatti nei dettagli, la direzione di marcia generale degli eventi lascia però poco spazio all’immaginazione: l’indurimento del regime all’interno e all’esterno, la repressione delle sinistre turche e la guerra. Ma queste sono considerazioni scomode per i nostri governanti, i quali prendono ovviamente per buone le menzogne del Governo turco, vuoi per conformismo, per comodità, vuoi perché sono in linea col discorso ufficiale e conformista sul “pericolo terrorista globale”: si tratta in sintesi le stesse banalità che essi sciorinano ogni giorno sui media e in Parlamento.

In realtà,  i governi capitalisti occidentali combattono il terrorismo a targhe alterne; la loro strategia consiste piuttosto a stringere la mano ai foraggiatori di questo terrorismo. Le prove sono sotto gli occhi di tutti, tra una Legione d’Onore attribuita la settimana scorsa dalla Francia al Ministro dell’Interno saudita, la legittimità di cui gode e i miliardi europei di cui beneficia la Turchia, le porte aperte ai principi del Qatar per ogni tipo di investimento in Europa; e al contempo usano una generica quanto concreta minaccia terroristica come pretesto per le invasioni neo-coloniali.

I nostri governi – ricettacoli della necessità espansionistica dei potentati economici dominanti, le grandi società multinazionali e il capitale finanziario – hanno tutto da guadagnare dal terrorismo, smaniosi come sono di spartirsi il bottino delle varie guerre di rapina pianificate e in corso un po’ dappertutto – come quella in Libia prossima ventura – silenziando con lo stato di guerra permanente le lotte sociali e le rivendicazioni legate alle istanze del lavoro sempre più sfruttato sul continente.


Ringraziamo il compagno Francesco M per il contributo all’analisi e alla comprensione degli eventi in corso nel Medio Oriente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...