USA: guerra di razze o guerra di classe?

micha cops 2Tre poliziotti sono stati freddati due giorni fa a Baton Rouge, in Luisiana, dopo i 5 abbattuti a Dallas il 7 luglio scorso e diversi attacchi più o meno riusciti registrati in tutto il Paese nelle ultime settimane. Negli USA è in corso la cosa più simile a un’insurrezione armata che si possa vedere in una Nazione a capitalismo maturo, ma i media, megafono del potere borghese, confondono le acque, impostando l’informazione intorno alla questione razziale. 

La manipolazione è subdola e viziosa: siccome tutti sanno che il razzismo è endemico negli USA – Paese fondato sullo schiavismo – quando la polizia uccide un cittadino, ci si concentrara sull’origine etnica della vittima, specialmente se “afroamericana”. Il fatto che dei neri cadano sotto i proiettili delle forze dell’ordine è visto allora come una fastidiosa distorsione di una “grande democrazia” che per altro garantisce ai cittadini benessere e sicurezza. In conseguenza delle “uccisioni degli afroamericani” però, altri “afroamericani” attaccano agenti di polizia. Di qui violenze e disordini.

Messa così, tutto porta a suppore che in effetti il problema della polizia USA sia proprio il razzismo. L’eterno dibattito da talk show intorno alle divisioni razziali – fieramente osteggiato dai repubblicani – si riaccende infervorando i liberal radicali, per poi essere saggiamente ricomposto dalle parole moderate dei democratici moderati… e spegnersi infine negli appelli morali banali e inutili dei benpensanti.

Potrebbe continuare così per secoli, e in questa presentazione dei fatti preparata dai media e dalla politica, è insita una strategia mediatica funzionale al governo, dove prosperano l’immobilismo e la reazione. Una rappresentazione che allontana scientemente il dibattito dal vero problema, di cui non si discute mai.

La mattanza

La polizia USA ha le mani sporche di sangue come nessun’altra polizia al mondo. Essa uccide più di 1200 persone all’anno. Le vittime sono registrate in tempo reale in questo database gestito dal Guardian – che vi invitiamo a consultare, poiché molto istruttivo. Per quanto riguarda il 2015: 600 vittime sono di razza “bianca caucasica”, l’altra metà è composta da neri, nativi, ispanici e asiatici. Il tasso di omicidi per milioni di abitanti è più alto tra i neri, seguiti dai nativi e dai bianchi. Le cifre si confermano per il 2016, dove si contano già 600 vittime. 

Ora, se la polizia fosse mossa unicamente e principalmente dal razzismo, sarebbe quantomeno difficile spiegare tali dati. A guardare le statistiche sembra piuttosto evidente che la polizia non faccia troppa distinzione nella brutalità e nell’arbitrio, che colpisce tutti indiscriminatamente.

Nessuno nega che la comunità nera sia in proporzione più vessata di altre – nonostante una borghesia nera molto attiva e partecipe nelle istituzioni, nella polizia, esercito, mondo degli affari e… alla Casa Bianca! Sconvolge però il fatto che non vi sia intenzione di indagare sulle ragione del terrore, ma unicamente sul suo aspetto formale, ovvero in che modo questo terrore colpisca secondo un grado variabile una comunità piuttosto che un’altra.

Eppure, l’informazione più drammatica che emerge dai dati non è la disparità razziale della violenza di Stato, ma l’ampiezza della violenza di Stato stessa. Il razzismo, connaturato alla società americana, è un aspetto che viene ad aggiungersi a questa tendenza omicida degli apparati di sicurezza USA. Ma l‘abominio di migliaia di assassinii sembra essere meno importante del fatto che all’interno di questa mattanza alcune minoranze siano in proporzione – ma non in numero assoluto – più rappresentate di altre.

La propaganda razzista che accusa il razzismo

Com’è possibile allora che il fatto che la polizia abbatta i propri cittadini impunemente sia venduta all’opinione pubblica mondiale sotto la forma parziale ed etnicizzata dello scontro razziale? Che dire poi dei cittadini americani i quali si sentono in dovere, a torto o a ragione, di prendere le armi per difendersi dalla polizia? Ciò non pare degno dell’interesse dei commentatori.

Succede quando l’impostazione razzista di media e politica condiziona il discorso.

Le classi dominanti americane, almeno quelle più moderne e meno retrive, non hanno problemi ad ammettere infatti che vi sia un problema razzista nel loro Paese.  In modo da evitare discussioni intorno al problema vero: quello del capitalismo americano che garantisce profitti a pochi e miseria a molti, e necessita di apparati di repressione sempre più terroristici per controllare una società in miseria. 

Società in piena disintegrazione e abbandono, tenuta insieme dal più imponente Stato di polizia che esista in terra, dove i cops fanno sfoggio di tecnologie militari testate prima in Iraq e Afganistan. Abuso di violenza e calpestamento sistematico dei diritti umani di base sono pane quotidiano. 

Il lascito di un passato segregazionista fa emergere nella contabilità degli omicidi di massa la forte proporzione della comunità afroamericana in percentuale più povera e ghettizzata. Ed è nei ghetti e tra i poveri che la polizia colpisce di più, poiché il livello della violenza è esasperato dall’abbandono sociale. Più questa società è ingiusta e basata sul privilegio di pochi, più gli apparati di repressione devono essere brutali per sedare la rivolta popolare e garantire i privilegi dei pochi cui lo Stato serve gli interessi.

Siamo di fronte in realtà a un problema sociale, in cui uno Stato compiutamente fascista e imperialista usa metodi illegali dallo stesso punto di vista borghese contro la propria popolazione proletaria, brutalizzandola quotidianamente. La polizia degli Stati Uniti d’America non uccide perché razzista, ma perché al servizio di uno Stato oppressore delle classi popolari.

Contro la violenza di Stato

Se il problema fosse veramente il razzismo, la polizia, per sconfiggere tale piaga, dovrebbe forse iniziare – in seguito a campagne di sensibilizzazione – a sforzarsi di uccidere meno neri, al fine di raggiungere perlomeno il tasso di omicidi dei bianchi? In tal modo asseconderebbe indubbi criteri anti-razzisti. Sarebbe anzi la logica conseguenza di campagne di denuncia impostate intorno alle disuguaglianze razziali.

Ma avremmo fatto un passo avanti sulla questione? Francamente no. Le campagne che marciano sul sentiero del razzismo delle classi dominanti – seppur in senso contrario – avallandone di fatto l’impostazione, delle divisioni basate sul colore della pelle, della religione, dell’orientamento sessuale o di genere, sembrano non cogliere il problema, ed essere in questo senso controproduttive.

Esse ritengono che il razzismo debba essere debellato prima di ogni altra cosa, tra l’altro perché causa della violenza poliziesca. Il che è falso, è nella violenza poliziesca che si riflette anche l’aspetto razzista della società americana. Nulla indica che la violenza omicida della polizia possa scomparire una volta “debellato” il razzismo; mentre è chiaro che combattendo la brutalità poliziesca in generale, e incentrando la propaganda intorno alla presa di coscienza di questo elemento, inevitabilmente ci si batte anche contro la deriva razziale insita nella violenza di classe.

L’assassinio di massa dei cittadini da parte delle forze dell’ordine non è e non dovrebbe essere vista come una questione razziale, ma come una questione universale, altrimenti si inocula nella società una divisione artificiale, di modo che i bianchi – maggioranza etnica del Paese – si convincano di non essere toccati da tale problema. Quando invece è vero l’esatto contrario. Ma è esattamente ciò che le classi dominanti, attraverso i loro organi di governo, politica e media, vogliono: dividere per meglio regnare, impedire la presa di coscienza collettiva, puntando sull’escusivismo insito nelle rivendicazioni identitarie.

Non c’è nulla di estremo e radicale nel rivendicare di non essere uccisi per strada dalla polizia del proprio Paese. Diritto umano di base – quotidianamente violato negli Stati Uniti – è piuttosto una giusta rivendicazione moderata e liberale. Il fatto che il governo USA cerchi di confondere le acque per occultare la violazione abnorme di questo elementare principio civile, e che il dibattito accenda gli animi, non è altro che la spia della fascistizzazione estrema e della barbarie in cui versa lo Stato nord americano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...